Disturbo Ossessivo Compulsivo

Studio ossessivo

Giovanni

Condividi su:

Salve, scrivo perchè ormai da qualche mese, forse un anno convivo con un problema per me abbastanza importante. Premessa: ho sempre amato lo studio e la cultura ed ho ottenuto il diploma classico con il massimo dei voti. Con l'inizio dell'avventura universitaria, comincio a percepire che qualcosa sta cambiando. Le vecchie compagnie, purtroppo, si rompono ed io rimango praticamente da solo. Inizio ad uscire sempre meno e la mia unica, compulsiva attività è lo studio: non smetto un attimo. Negli scorsi mesi ho sperimentato, ahimè, crisi di panico (l'ansia l'ho sempre avuta ed, anzi, mi ha sempre aiutato a rendere al massimo delle mie possibilità), dovute alla preparazione di un esame, rimandandone il sostenimento di 20 giorni per una mia estrema insicurezza, rivelatasi poi infondata, vista la votazione finale ottenuta. Riscontro altresì, delle grosse problematiche nel grado di concentrazione mantenuto durante le ore di studio. Ormai studiare è quasi diventato un lavoro, lo faccio tutti i giorni, almeno 9 ore al giorno. Il fatto è che di queste 9 ore alla fine si rivelano produttive, si e no, nemmeno il 40% ed, a volte, termino le giornate con un nulla di fatto, il che mi getta nello sconforto più totale. Le conclusioni cui pervengo sono sempre le solite: ho perso la capacità di apprendere e non riuscirò mai a preparare esame X. Oltretutto, sono rare le volte in cui mi siedo e mi dico “Finalmente, non vedevo l'ora di studiare questo argomento!“. In sintesi: vorrei riuscire a trovare del tempo libero, ma mi sembra di essere stato risucchiato dallo studio, il che peraltro è controproducente, poichè alla fine produco di meno. Richiedo il vostro aiuto.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Caro Giovanni,


leggo nelle tue parole un senso di vuoto e smarrimento e credo che effettivamente il sovrainvestimento nello studio abbia più a che fare con una compulsione, un bisogno che va altre e che diventa impellente, ......sei molto giovane e forse l'ansia che ti porti dietro da diverso tempo ha bisogno di essere compresa ed ascoltata...lo studio è diventato un canale di scarico che però inizia ad essere colmo e a non funzionare più...ti consiglierei di iniziare una psicoterapia che ti consenta di vedere con più chiarezza dentro di te e trovare nuove risorse investendo su altri aspetti della tua vita. Buona fortuna!!!

Buongiorno.


Se 9 ore di studio producono poco, direi che le motivazioni possono essere due:


1) usa lo stesso metodo di studio che usava al liceo, che evidentemente all'università non rende allo stesso modo


2) non sono le ore di studio a rendere poco, ma la sua necessità a raggiungere la perfezione a distorcere la percezione di quello che effettivamente succede. Del tipo che in realtà apprende benissimo come sempre, ma non lo reputa valido perché pretende da sé standard di perfezione troppo elevati


L'elemento che più mi preoccupa, comunque, resta il fatto che esce sempre meno e frequenta sempre meno persone: questo ritiro sociale, unito ai pensieri ossessivi, l'ansia e gli attacchi di panico, disegnano un profilo diagnostico per cui urge un intervento psicologico. La invito a contattare un mio collega.


 

Salve, è ammirevole la serietà e la responsabilità con la quale affronta lo studio, ma questo non significa che non deve avere altri interessi o spazi di relax quotidiani. Da quello che riporta, mi sembra che più che problemi di concentrazione potrebbe avere problemi nell'organizzazione dello studio e nel pianificare le varie attività. Almeno 9 ore di studio al giorno sono un po' troppe, chiunque perderebbe la concentrazione e sarebbe incapace di renderle produttive tutte.

Gentile Giovanni,


lei è un giovane appassionato dei suoi studi. Questo è lodevole senz’altro, ma le pongo alcune domande che la potranno aiutare a riflettere su di sé:


·         A cosa le serve studiare per così tante ore?


·         Perché non interrompe lo studio quando si accorge che il suo livello di attenzione è calato e quindi anche l’apprendimento?  


·         Quali altri interessi ha oltre allo studio?


·         Le piace stare a contatto con gli altri?


·         Si è impegnato a cercare di costruire nuove conoscenze nell’ambiente universitario?


·         È un ragazzo che ha iniziativa con gli altri?


·         Avrebbe voglia di avere anche una relazione sentimentale?


 


Lei parla di soffrire d’ansia da sempre e queste crisi di panico che attualmente sono sopraggiunte sono i campanelli che “la avvisano” di iniziare a prendersi cura di sé in modo diverso. Ovvero che lo stile di vita che lei sta praticando non funziona più!


Le suggerisco di rivolgersi ad un nostro  Collega  della sua zona per affrontare questi aspetti. Un consulto online non è sufficiente per risolverli.


Si faccia coraggio e accetti di avere bisogno di un aiuto professionale. Vedrà che troverà giovamento!


 


Le faccio i migliori auguri.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbo Ossessivo Compulsivo"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Disturbo ossessivo-compulsivo

Buongiorno, sono un ragazzo di 21 anni, e vi scrivo perché sin da piccolo ho sempre avuto diverse ...

2 risposte
Disturbo ossessivo compulsivo

Salve, soffro da qualche anno di disturbo ossessivo compulsivo che ormai mi sta togliendo la mia ...

11 risposte
Doc

Salve, soffro da qualche anno di Doc Omosex (o almeno spero), ho vissuto questo periodo tra alti e ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.