Varie

Come gestire un forte legame affettivo sincero con il proprio psichiatra

Valentina

Condividi su:

Buongiorno,
ho 28 anni e sono seguita da uno psichiatra da circa due anni.
Nello stesso periodo iniziai anche un percorso di psicoterapia abbastanza "tormentato": non mi trovavo affatto bene con il primo psicologo psicoterapeuta e dopo quasi un anno decisi di cambiare, consultai diversi specialisti ma nessuno lo sentivo disposto all'ascolto empatico e professionale, ho trovato solo tante parole standardizzate, superficiali e soprattutto di nessun aiuto. Alla fine comunque, anche su consiglio del mio psichiatra, ho effettuato una scelta e ho iniziato un nuovo percorso con un nuovo psicoterapeuta con cui sentivo leggermente più affinità. Purtroppo anche questa volta il rapporto terapeutico è stato completamente inesistente perché la situazione è sempre la stessa: estrema superficialità, le solite parole trite e ritrite.
L'unico vero aiuto ad andare avanti l'ho ricevuto dal mio psichiatria, persona splendida dal punto di vista umano e professionale.
Accenno brevemente di essere una persona che da anni lotta tra depressione, disturbi borderline, autolesionismo, forti sintomatizzazioni, una vita totalmente alla deriva.
Sono sola, con una famiglia ipercontrollante e allo stesso tempo inesistente per i miei reali problemi che non sono riuscita a gestire. Dopo anni di faticosa lotta sono riuscita a iniziare l'università. Il mio sogno era ed è psichiatria e l'ambito medico. Ma per l'ennesima volta non sono riuscita ad inseguirlo (non mi dilungo ulteriormente sui motivi) e ho dovuto deviare su psicologia. Più studio psicologia, più vado avanti con la psicoterapia e più la rabbia, la delusione, l'insoddisfazione e il rimorso aumentano. Ma oramai è chiaro che non ci sia più niente da fare, anche perché sono letteralmente stanca della vita e mi ritrovo a dovermi accontentare, come in ogni ambito della mia vita, anche in ambito professionale e soprattutto di realizzazione della persona. In questo contesto la psicoterapia mi fa l'effetto di una caramella alla menta per curare una polmonite.

Ho cercato di riassumere il più possibile, con grandissima fatica, un mio quadre generale per poter centrare il punto di questo mio intervento.
In questo quadro per me soffocante l'unica persona di riferimento è il mio psichiatra a cui mi sento fortemente legata, forse anche troppo.
Con lui ho un'affinità mentale unica e ogni volta attendo il momento di poterlo rivedere e parlarci. Dato che da anni non sento più bene le emozioni, letteralmente ricoperte da angoscia rabbia e vuoto, non capisco se si tratta di una sorta di amore paterno o di un innamoramento. Quello di cui sono certa è che non si tratta di nulla che possa rientrare nella sfera del transfert, è un sentimento genuino nei confronti di una persona che rappresenta tanto per me. Ma allo stesso tempo so bene di non essere niente per lui e che lui fa tutto quello che fa per lavoro (anche se ha fatto cose che penso in pochi avrebbero fatto nella sua posizione) e con ogni paziente probabilmente.
Inoltre io sono una persona molto difesa nelle relazioni di ogni tipo e in parte lo sono anche lui ancora. Ma nonostante ciò da due anni questo mio sentire è progredito molto.
In tali situazioni vi è la possibilità o la necessità che io riferisca tutto ciò al mio psichiatra per analizzare insieme la situazione? Gli ho solo accennato alcune volte di quanto il suo aiuto per me sia stato prezioso e che lo ringrazio per la sua gentilezza e disponibilità. Ma parliamo di poche parole e che non lasciano trasparire il vero sentire. Ho però il terrore di riferirgli tale situazione perché temo per le conseguenze. Potrebbe non seguirmi più (parliamo di un CSM pubblico) o affrontare il discorso in modo che ne esca maggiormente distrutta? Probabilmente ne dovrei parlare con una figura con cui conduco la psicoterapia ma ripeto che non vi è minimamente un rapporto di fiducia e alleanza terapeutica.
Al di fuori del rapporto con lui, sembra sempre più che io non abbia più niente da perdere e vorrei affrontare questo punto importante per me.

Grazie a chi dedicherà del suo tempo per poter accogliere le mie parole.

7 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Valentina, mi colpisce la sua richiesta, le forti emozioni che racchiude e il grande tormento. Se è solo di lui che si fida...ne parli, esprima ciò che sente, sono sicura che se veramente è la persona empatica, professionale e speciale che descrive, non rischierà di ' 'perderlo' . Forse aprirsi con lui potrà dare modo anche al suo psichiatra di comprendere meglio i risultati raggiunti e gli obiettivi da puntare.


Resto disponibile per eventuali chiarimenti. mi scriva privatamente.


Cordialmente. Dr.ssa C. Cresciullo

Gentile Valentina, 


Io naturalmente dopo aver letto con attenta analisi, tutti i dettagli nella sua lettera per un consiglio, soprattutto alla luce dei cambiamenti riguardo, da ciò che ho compreso, delle figure "per fare una psicoterapia ".


Sembra che non erano in grado di destare in lei interesse .


Forse, conoscendo la materia , vedeva il terapeuta come "un libro/manuale"stampato... 


O forse, la sottostante ma sempre attiva sua motivazione primaria, a fare medicina e poi psichiatria,


È difficile da NON VEDERE... 


Certamente io, alla luce della mia esperienza e formazione,


In cui l'importanza principale La Avra'Sempre "La mia prima analisi classica "×6anni a 3 sedute a settimana . Che mi ha permesso di trovarmi come paziente, ovvero come questi


si trovano anche in terapie diverse di fronte ad un professionista. 


Certo leggo nel suo scritto, Un Conflitto. Ma non Sapendo più di tanto, diciamo così:


Io le consiglierei di parlare serenamente con il suo psichiatra.


Aprendo Chiaramente alcune questioni personali e professionali. 


Riveda eventualmente,con lui, anche la sua motivazione professionale e terapeutica. Sarebbe un peccato perdere tempo. La sua vita la sta aspettando Da qualche parte...


Non perda le occasioni che sono solo per lei. E'molto giovane Valentina. 


Un cordiale saluto.


Simona Rocco. Roma. 


 

Buongiorno Valentina,


ho letto attentamente quello che tu descrivi e mi sarebbe stato utile sapere dopo quanto tempo hai interrotto le psicoterapie con gli altri professionisti! Spesso all'inizio del percorso di analisi la persona può trovare delle difficoltà nel relazionarsi al terapeuta magari trovandolo anche non 'adatto'!! Solitamente ci vuole un certo periodo propedeutico affinchè il legame psicologo/paziente inizi a formarsi.


Per quanto riguarda il rapporto con il tuo psichiatra trovo strano che nonostante tu lo descrivi positivamente sotto l'aspetto relazionale e come punto di riferimento, non mi sembra però che anche attraverso lui tu abbia avuto dei miglioramenti per i tuoi disagi emotivo-affettivi!! Neanche hai chiarito che tipo di contatto medico hai con lui,  se solo per un supporto farmacologico e/o anche psicologico. Sarebbe utile saperlo.


Pertanto ritengo che sia necessario che tu esponga al tuo psichiatra le emozioni/sentimenti che provi (o credi di provare) verso di lui ed insieme cercate di analizzare questo meccanismo, che io ipotizzo sia solo transferenziale e che se ben elaborato e da te mentalizzato potrebbe aiutarti notevolmente. Con i miei migliori auguri ti saluto cordialmente 

Salve Valentina


lei ha tutte le possibilità di avere le gratificazioni che vuole dalla sua vita se riesce a fare un lavoro terapeutico che la faccia crescere e maturare. Non so che diagnosi lei abbia e neppure me ne voglio interessare, ma le vorrei porre una riflessioni: c'è una persona idealizzata che l'aiuta molto e di cui si fida tanto (lo psichiatra), ma non al punto da potergli parlare del transfert che ha verso di lui, c'è un'altra persona (terapeuta) di cui non si fida e non stima ma da cui continua a fare una psicoterapia senza alleanza e quindi non può veramente parlare di quello che prova. Alla fine non può parlare di se stessa proprio con nessuno nè con chi si fida nè con chi non si fida. Il profondo sentimento di sfiducia è l'elemento che deve provare a trasformare.

Buonasera Valentina


La situazione che descrive è estremamente delicata. Se fosse la "mia paziente", desidererei che mi riportasse i suoi "turbamenti", per poterci "pensare" insieme e trovarne un significato. Non demorda nello scegliere "il giusto professionista adatto a lei" e provi a riflettere sulle dinamiche che (inconsciamente), mette in atto di svalutazione (per gli psicoterapeuti) ed idealizzazione (per il suo psichiatra). Si descrive con termini come "borderline", dove vi sono dinamiche di scissione molto importanti, parla di somatizzazione, depressione, autolesionismo, sintomi che possono risultare preoccupanti. Le consiglio di poter riprendere questo discorso col suo psichiatra, e magari poter intraprendere un percorso psicoterapeutico, dove possa sentirsi ascoltata ed empaticamente compresa. 


Inoltre lei sta studiando per diventare una psicologa (psicoterapeuta?), si ricordi che prima di poter praticare tale professione (così delicata e di responsabilità), dovrà aver maggiormente chiari i suoi conflitti e riuscire, in parte, a risolverli, per poter svolgere la professione in modo empatico ed essere di supporto.


Auguro buona fortuna

Salve, sono Cristian Sardelli psicologo psicoterapeuta, ho ricevuto la mail da Psicologi Italia, leggendola, ho percepito la sua richiesta di aiuto, non so se quanto le sto scrivendo possa darle un suggerimento, un aiuto, credo che quando si tratti l'amore, in quanto sentimento, possano sussistere delle possibili distorsioni percettive, che rendano difficile il ragionamento e non è un caso il detto "folle d' amore", non so se sia il suo caso, ma credo che la cosa più utile da fare sia parlarne al diretto interessato.


Si tratterebbe di transfert e contro transfert se facciamo riferimento al mondo della psicodinamica, ma non solo, poiché riguarda ed investe la sua/vostra vita.


Mi chiedo e le chiedo anche però come mai si senta più a suo agio a parlarne con degli "estranei" che con i suoi precedenti terapeuti? In ogni caso trattandosi del sentimento più nobile, a mio avviso che esista, fa bene a dargli spazio e a non trascuralo.


Mi auguro di essere stato sintetico e utile in qualche misura,


Cordiali saluti


Dr. Cristian Sardelli

Cara Valentina,


Ti suggerirei di goderti la sicurezza e le buone sensazioni che il tuo psichiatra, nella veste di essere umano, è capace di trasmetterti.


Angoscia, rabbia e vuoto non ti hanno impedito di percepire il calore di questa persona: attraverso di lui sei in grado di far luce su aspetti di te stessa che sanno come creare legami affettivi validi.


Semplicemente, permettiti di nutrirti dei sentimenti buoni che hai stimolato in quest'uomo. Non hai nessun obbligo di nessun tipo di dire a parole quello che il cuore sente.


Per quanto riguarda il corso di studi, resisti! Oltre le tappe obbligatorie, oltre i tecnicismi, oltre i miliardi di parole, spesso inutili, che incontri sul cammino universitario, ci sono diversi squarci interessanti, nel mondo della psicologia. Tu non stancarti di cercare.


Se hai bisogno di qualche dritta, scrivimi. A Roma c'è tanta gente in gamba.


In bocca al lupo.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Pensieri suicidi

Ormai da 2 anni ho questi pensieri....prima ero un operaio funebre avevo la mia indipendenza, poi ...

2 risposte
Vita e morte

Buonasera e ringrazio gentilmente chiunque mi risponderà.Sono una ragazza che soffre di depre ...

11 risposte
Come faccio ad incontrarmi con uno psicologo senza che i miei genitori lo sappiano?

Ultimamente ho cercato di convincere i miei a trovare uno psicologo disposto ad aiutarmi, ma, second ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.