Il mio fidanzato è triste

Serena

Salve sono Serena e da 4 anni vivo in Piemonte per lavoro, da più di un mese mi ha seguita anche il mio fidanzato che lavora qui con me, ultimamente però è triste e gli manca la nostra città nativa e la sua famiglia. Me ne parla spesso e non so come fare per rendergli la vita felice... secondo voi devo chiedergli di andarsene di nuovo al nostro paese? Posso fare qualcosa per farlo sentire meglio?
Grazie a chi sa darmi dei consigli ne ho davvero bisogno..

3 risposte degli esperti per questa domanda

Gentile Serena

cosa manca al suo compagno? Di dove siete? Come si trova al lavoro? Avete amici? Com'è la vita tra di voi?

Lei come prima cosa e come mi sembra stia già facendo lo ascolti, provi a sentire con lui cosa potreste fare. Valutate di andare in vacanza dalle vostre famiglie e magari di stabilire se è possibile insieme delle video chiamate più frequenti o delle vacanze durante l'anno li da loro magari con dei week end lunghi.

Se le difficoltà dovessero persistere potrebbe anche consigliare al suo compagno un breve supporto psicologico per essere ascoltato, accolto e capire in un luogo protetto e senza giudizio cosa stia vivendo e provando dentro di sè.

Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza o se volesse rispondere in privato alle domande poste.

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Cara Serena, le sue ottime intenzioni nel voler rendere la vita felice al suo fidanzato sono più che apprezzabili! Purtroppo non abbiamo il potere di rendere la vita felice (né infelice, e nemmeno in qualsiasi altro modo) a qualcuno. Accade che una persona sia felice accanto a noi, ma è un fatto suo su cui non abbiamo modo di intervenire. Quello che mi sento di dirle è che sicuramente lei può essergli vicino accogliendo magari il suo bisogno di parlare di questo suo malessere, aiutandolo, con il suo affetto e la sua  disponibilità, a capire cosa lui vuole fare. Ma niente di più: lei non deve chiedergli di fare questa o quella cosa, e le assicuro che il miglior modo di aiutarlo è proprio lasciare che lui ascolti se stesso, capisca meglio il suo stato d'animo e individui la scelta migliore per lui. In bocca al lupo! D.ssa M.Rita D’Onofrio

Buongiorno Serena,

mi sembra che il suo fidanzato possa essere aiutato da un breve percorso psicologico, in modo da metterlo nelle condizioni di scegliere in modo consapevole. Infatti quando si vivono sentimenti molto intensi e dolorosi si rischia di fare scelte di cui poi ci si può pentire. Lei può ascoltarlo e fornirgli una presenza amorevole, anche se per lei può essere difficile; infatti immagino che lei si senta smarrita.

Se lo ritiene io sono a Biella.

Un augurio

Giordana Milani