Autostima

Autostima e sensazione di fallimento a 24 anni

Matteo

Condividi su:

Buongiorno, scrivo della mia situazione per sapere se altre persone che hanno vissuto una situazione simile alla mia sono riusciti a superarla. Esempi di storie personali o di pazienti che sono riusciti a sbloccarsi, ad esempio. Ho parlato con tante persone di ciò che sto vivendo e sono pieno di consigli, tutti ottimi, ma non sento che mi servano come invece sento il bisogno di sapere che qualcuno come me, là fuori, ce l'ha fatta.
Sono il classico ragazzo dotato che, non avendo dovuto impegnarsi per molto tempo, ha procrastinato all'inverosimile ed ora ne sta pagando le conseguenze. Non ho fatto niente nella vita? Non esattamente. Ho conseguito una triennale in Psicologia, viaggiato all'estero per diverse volte, anche per brevi mesi, perfino in Asia. Ho lavorato presso due cooperative. Ho avuto molti amici anche se poi non sono bravo a mantenere le relazioni che, inevitabilmente, si allentano e si perdono.

Sono di bell'aspetto, anche ora che sto perdendo i capelli piaccio comunque, ho una bella intelligenza (che spreco molto nell'autoanalisi, lo confesso) che mi permette di afferrare anche concetti ardui in poco tempo, socialmente vengo riconosciuto come abile e brillante. La mia famiglia ha una pessima gestione emotiva, ma niente di allucinante: nessuno ha mai picchiato qualcun altro, però molta tensione e silenzio in casa, specie nel periodo fino ai 20 anni.

Mio padre è stato molto collerico fino alla pensione, mia madre è sempre stata iperprotettiva e ha teso a sostituirmi nei miei doveri.

E' veuto fuori in terapia che sono un Puer aeternum, come vuole la lettura junghiana, e ci sta, lo riconosco. Ho avuto molte ragazze, ho sempre pensato che fosse amore, ma probabilmente era più bisogno, rivedendo a posteriori.
Il mio più grande difetto è la procrastinazione e continuo imperterrito per questa strada. Non riesco ad assumermi le mie responsabilità, vengo schiacciato dai pensieri e cado spesso in fasi depressive, dove mi sento di non aver vissuto niente di quello che ho fatto nella vita, perché sempre concentrato sul mio malessere e come evitarlo e mandarlo via per sempre. Ho sempre avuto tendenze depressive ed un episodio di depressione maggiore in tarda adolescenza. Non ho mai coltivato me stesso e le mie passioni, non so nemmeno quali siano perché il mio comportamento è sempre stato orientato a fare il minimo possibile e godermi il tempo libero tra videogiochi e cazzeggio. Sono sempre uscito poco, sempre temuto in buona parte il confronto con il mondo che reputo migliore di me e non mi piace far niente di quello che c'è fuori, perché passo il tempo più a giudicare che godermi una bevuta o andare a ballare.
Ora, a grandi linee ho consapevolezza dei miei problemi, so anche che "evitando di giudicare me stesso e gli altri" e "cominciando a fare qualcosa" la situazione migliorerà. Il nocciolo della questione è questo però: perché non voglio?
Mi sento come se non volessi vivere, tentare, sperimentare, lasciarmi andare. Sono aggrappato ai miei dolori, le mie giustificazioni, le mie scuse. Ho vissuto buona parte di tutto questo inconsapevolmente finora, credevo avessero motivo e ragione d'esistere. Ora tutto sta svanendo e senza il mio malessere non posso più nascondermi dietro niente: mi rimane solo questa voglia enorme di non fare, di abbandonarmi, di distruggermi.

Dall'altro canto poi, faccio molte fantasie sulle mie ambizioni, come diventare un maestro spirituale o un ricercatore sempre in materia, per esempio di meditazione.

Il tempo però ne è passato molto, mi sento disagiato e indietro rispetto gli altri, sono spesso crucciato e non facendo nulla e non uscendo quasi mai da un paio di mesi, non so di che parlare, non so relazionarmi un granché con le realtà che ho creato finora (che ora rivedo sotto un'ottica di bisogno e mi sento in colpa per questo, come se avessi stretto rapporti per ottenere stimoli e amore e ridando nulla) galleggiando tra la fuga dal mio malessere e l'attesa di un futuro migliore.
Mi sento di non saper vivere, di non sapere accettare le difficoltà.
Ho scritto di getto, rileggendo qualcosa mi rendo conto che potrebbe suonar sconnesso.

Riassumo in breve: siete riusciti a realizzarvi, a lasciarvi il vostro passato alle spalle e ricrearvi una vita che amate,  se ripensate al passato vedete solo fallimento?

Siete riusciti a trovare voi stessi dopo avervi evitato per tutto il tempo?

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Matteo, caro "Puer Aeternus",


certo che si può uscire dallo stato di apatia in cui si trova, ma, piuttosto che perdersi in estenuanti quanto improduttive sessioni autoanalitiche che tanto ricordano altri tipi di pratica, tendenti a risolvere in solitudine e totale autonomia qualsivoglia tensione psico-corporea, è forse giunto il momento della condivisione dei suoi problemi nella relazione. Pare evidente da ciò che esprime, che il nodo del del suo disagio, risieda proprio nella difficoltà di compiere un adeguato "esame di realtà", perso com'è nell'immagine vincente di sè, acquisita in precedenza, quasi dando per scontate le sue capacità e qualità intellettive che hanno rappresentato invece un grande regalo che la natura le ha fatto e che le ha permesso di vivere " di rendita" senza in fondo impegnarsi granchè. Ma i doni vanno ricambiati e oggi la sua psiche profonda ( il suo Sè) le chiede di crescere poichè, come ha potuto notare, lei si scontra oggi con la dura verità che, anche nelle migliori condizioni di partenza ( per qualità innate, simpatia, amore e sostegno ricevuti ecc...),occorre ad un certo punto fare i conti con la necessità dell'impegno e con la necessaria acquisizione della consapevolezza di ciò che sarà possibile divenire ed essere nel mondo. Inizi quindi al più presto un percorso di conoscenza di sè per non commettere il grave peccato di vivere al di sotto delle sue possibilità, in ogni ambito della sua esistenza .

Gentile Matteo, parole intense, molto autoanalisi, ma anche la conferma che la vecchia psicologia non si è mai veramente occupata della Volontà se non in termini motivazionali o di stimoli e rinforzi. Ebbene i rimedi ci sono, la Nuova Psicologia Umanistica sta dando ottimi risultati soprattutto con la vostra generazione, perché in voi vede un futuro totalmente imprevisto, e non ha tempo di ricordare un passato ormai morto e che non potrà più tornare!


Le cose da dire sarebbero tantissime, ma le suggerisco di iniziare a leggere uno di questi capolavori del Futuro scritto nel 1973 da uno psichiatra visionario, ma molto pragmatico: L'Atto dei Volontà" ed. Astrolabio. Il Nome di questo autore (che fra l'altro si occupava di bambini superdotati e meditazione), è Roberto Assagioli; ha fondato la "Psicosintesi" come metodo psicoeducativo che sta finalmente prendendo piede non solo in tutto il mondo come in passato, ma persino oggi nella sua stessa patria: l'Italia.


Le auguro di iniziarlo a leggere presto, ma sopratutto fare gli esercizi che propone, atrimenti anche lei prenderà il volo nella vita coi suoi tempi, come è accaduto da sempre all'umanità da quella più svelta a quella più lenta... solo che sta ad ognuno di noi assumersi veramente la responsabilità (come lei ha fatto scrivendo qui le sue parole), e riconoscere chi siamo e quanto tempo necessitiamo per andare oltre il limite che incontriamo... alla fine tutti arriveremo verso l'unica meta: l'Amore!


 

Salve Matteo sono una persona che è diventato psicologo da grande dopo molte peregrinazioni molti cambiamenti e anche molti fallimenti e credo di poter dire in prima persona che è possibile cambiare! Nel mio lavoro Ho anche aiutato persone con situazioni che potevano essere assimilate alla sua e si sono rimboccati le maniche per lavorare alla propria vita. Credo che il pericolo sia quello di proseguire nella autoanalisi e nella osservazione delle proprie difficoltà magari spendendo ingenti somme in lunghe lunghissime terapie. Il consiglio mio invece è di selezionare terapeuti che usino l'approccio Act che si pronuncia proprio come il verbo inglese to Act perché si tratta di un approccio con una solidissima base sperimentale e che è mirato proprio a risolvere soprattutto quelle situazioni di inerzia e di evitamento che lei descrive.

Ciao Puer Heternus è di Hilman, bel testo.


Credo che tu sia un Peter Pan come il carattere 7 dell'ENNEAGRAMMA. Non è invalidante né un problema.


E' necessario che tu ti metta in gioco accettando il rischio di sbagliare, anche se il tuo narcisismo ti immagina perfetto.


Procrastinare non è altro che paura di fare, ma se non fai questo di traduce in ansia che diventa angoscia insopportabile.


Solo mantenendo gli impegni che ti dai puoi riuscire a rafforzzare l'autostima così tutte le afflizioni svaniscono. Non voglio darti né consigli né ricette. Sono uno psicologo lavoro a Bologna e incontro i nuovi clienti con il primo incontro assolutamente gratuito senza impegno, 


Ciao

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Autostima"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Paura di ricevere

Salve, ho 24 anni e la mia vita è abbastanza movimentata: sono cresciuta con un gruppo di ...

5 risposte
Ho paura di me stessa e del mio futuro

Non so cosa mi capita. Sempre più spesso penso al suicidio, anche se non voglio morire, vorre ...

6 risposte
RIFIUTO AD USCIRE

Buongiorno, ho un figlio di 16 anni che si rifiuta ad uscire e preferisce giocare con la playstatio ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.