Disturbo Ossessivo Compulsivo

Malessere forte e stress / rabbia repressa

Amelia

Condividi su:

Buonasera psicologi, premetto che ho già scritto diverse volte in questo spazio e ho sempre apprezzato i vostri pareri che trovo assolutamente costruttivi e utili per riflettere su se stessi senza agire o pensare d’impulso.
Cercherò di essere esaustiva e breve (per quanto possibile).
Allora: sono una studentessa universitaria di 21 anni. Sono sempre stata una persona allegra, positiva, felice e tenace. Grata alla vita e a Dio (sono profondamente credente) per tutto quello che ho. Persino per qualcosa che, sebbene spesso mi abbia portato ad intristirmi, ossia il fatto di avere una piccola disabilità alla mano destra (mi mancano 5 dita dalla nascita). Ripeto che per me non ha mai rappresentato un problema o il centro della mia vita anche grazie alla mia famiglia e alla forza che ho sempre ritenuto di avere. Questo però non ha comunque impedito di intristirmi o farmi cambiare qualche volta umore per via degli sguardi, le parole e atteggiamenti di gente che reputo ignorante e lontana da me. Il fatto è che io per anni e anni non ho mai sfogato la rabbia provocata da tutto ciò quando si è presentata, mai pianto o creato problemi per questo. Anche perché onestamente non volevo far preoccupare i miei genitori, qualche volta ho pianto in “silenzio” la notte.
Bene, ora arriva un’altra parte. Che poi forse tanto scollegata non è, io ci ho riflettuto abbastanza e l’ho trovata collegata a ciò che sto per descrivere.
Quest’anno frequento l’ultimo anno accademico all’università e avendo appunto deciso che sarebbe stato l’ultimo ho anche iniziato a impegnarmi e dare il massimo al fine di ottenere la massima votazione (come se la laurea mi potesse assicurare la perfezione e la felicità). Peccato però che da novembre questo obiettivo ha iniziato a diventare un po’ “tossico” (sebbene io non me ne sia resa conto subito). Ho dato 3 esami in un mese e mezzo scarso, ho studiato come se non ci fosse un domani imponendomi ritmi troppo alto e ho abusato di me. Sebbene io me ne sia resa conto ad un certo punto ho comunque continuato perché mi dicevo che ormai dovevo finire , ma dentro di me ero molto stressata. Così ho finito gli esami, sono andati bene e cosa mi è rimasto poi? Solo tanto tanto stress, stanchezza e mi sono trasformata in tutto ciò che non sono mai stata: ho sofferto di insonnia, mal di testa, attacchi di panico e pensieri ossessivi rivolti verso le persone che più amo e in particolare mia madre. Tutto il giorno e la notte a pensare e ripensare a quanto mi succedeva e se davvero l’avessi pensato o era solo un pensiero, sensi di colpa alle stelle. Insomma, ho perso la serenità e la motivazione. Piango quasi ogni giorno ma sfogandomi e parlandone coi miei mi sono resa conto che sto un po’ meglio. Ma vorrei raccontare un’altra cosa : in pratica un giorno, dal nulla, mi è venuta una paura: che io potessi perdere il controllo e dire a mia madre che non le volevo bene (cosa assurda perché non vera, io la amo da impazzire e le devo tutto) e che la insultavo dicendole che non era una mamma bella e preferivo un’altra che era un’altra persona cattiva che ha fatto del male alla mia famiglia. Un giorno mi sono arrabbiata (per una sciocchezza dato che sono molto irascibile ultimamente ) e ho pensato “in ogni caso non le direi mai una cosa simile”. E nella mia mente ho pensato anche “vabbè lei sarà arrabbiata con me e per questo non si sta sedendo vicino a me nel letto anche se piango .. “ quando invece lei lo ha sempre fatto, mi è stata vicina ,( semmai cerca di farmi ritornare la voglia di vivere!!) e nel frattempo nella mia mente “forse se avesse più pazienza un’altra persona non si seccherebbe “ e subito nella mia testa immagino quella persona cattiva. Automaticamente vado in ansia perché penso troppo velocemente e questo per me significa che invece ho sbagliato e sono stata cattiva e di nuovo da lì pianto e disperazione come se l’avessi tradita. Cosa devo pensare?

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Amelia, da quanto tu descrivi si intuisce che hai attraversato un periodo piuttosto stressante dove hai messo alla prova le tue capacità di resistenza!! Hai superato tale prova egregiamente sotto l’aspetto cognitivo!! Ahimè però il tuo assetto psicologico ne ha risentito!! Tutto ciò rientra nelle situazioni in cui ognuno di noi attraversa periodi di grande fatica/sforzo psico-fisico. Le reazioni che vivi in questo momento (insonnia, pensieri malevoli ed ossessivi) sono la conseguenza di un eccessivo stress soprattutto emotivo. Ognuno di noi ha i propri limiti ed ogni volta che cerchiamo di superarli possono esserci delle conseguenze non sempre piacevoli. Riusciamo a capire ed individuare i nostri limiti man mano che nella vita si presentano certi eventi/situazioni che dobbiamo affrontare ognuno con le proprie capacità e risorse interiori!! Questa per te forse è la prima volta che ‘stai imparando uno dei tuoi limiti’!!  E’ utile cercare di riuscire a superare i nostri limiti - soprattutto per migliorarci - ma dobbiamo saperlo fare!! Dobbiamo formare in noi l’adeguata resilienza che ci permette di proseguire senza momenti di particolare disagio. Devi imparare a dosare i tuoi sforzi e capire che non sempre puoi andare oltre certi limiti di affaticamento o quanto meno devi alternare stress a rilassamento/riposo. E’ opportuno informarti che in noi non esistono solo aspetti cognitivi, razionali e consapevoli. Non siamo solo buoni. Siamo soprattutto ‘Inconscio’ e quando siamo stanchi e/o eccessivamente stressati non riuscendo, con la nostra consueta razionalità, a dominare le nostre pulsioni e istinti, alla nostra mente possono affiorare gli aspetti più negativi che normalmente invece riusciamo a tenere a bada!! Spero di essere riuscita sufficientemente a chiarirti questo aspetto peculiare dell’Essere Umano. In riferimento a quanto detto finora quindi il tuo attuale stato di disagio psicologico è dipeso sicuramento da un eccessivo affaticamento psico-fisico che sicuramente puoi risolvere creandoti un periodo molto tranquillo e rilassante cercando di distrarti il più possibile con situazioni ed eventi per te piacevoli. La prima cosa che devi affrontare è l’insonnia, è necessario che riprendi a dormire normalmente, per questo può consultarti con il tuo medico curante per capire se è il caso di prendere, per qualche giorno, un coadiuvante (es.: melatonina) che ti faciliti il sonno. Sperando di esserti stata utile, ti faccio i miei migliori auguri e ti saluto con cordialità.

Buonasera Amelia, scrive che ha già avuto modo di parlare con "noi" psicologi, mi chiedo se per lo stesso argomento o per altre questioni, in ogni caso ciò che descrive a mio parere corrisponde ad una situazione piuttosto nota e frequente, che incontrano perlopiù sportivi agonisti, donne e uomini in carriera e più recentemente anche studenti. Si tratta di un quadro simil depressivo che si presenta a fronte del vuoto che che lascia davanti a se aver raggiunto un obiettivo molto alto, con sacrificio e lavorando assiduamente. Raggiunto l'obiettivo spesso è come se non ci fosse altro da fare, subentra un senso di disagio accompagnato da agitazione, insofferenza se non vera e propria rabbia. E' difficile da comprendere specialmente a fronte di un successo. Non sempre in effetti le nostre sensazioni sono razionalizzabii, comunicano però intensamente con la nostra mente. Credo che il colloquio, parlarne, potrebbe permetterle di ritrovare una condizione di minor sofferenza, come parlando con i suoi le ha già fatto scoprire. Tuttavia un colloquio psicologico è cosa diversa, strutturato in modo da supportarla ma anche ad orientarla ad una soluzione, oltre che ad accogliere la sua sofferenza senza giudicarla. Il mio suggerimento dunque è quello di individuare un professionista con cui iniziare un dialogo.


Un cordiale saluto.


 

Gentile Amelia, 


professionalmente e personalmente credo la sua richiesta sia molto veloce esattamente tanto quanto lo sono i suoi pensieri pieni di importante contenuto sia razionale che emotivo. Io le suggerirei di affrontare questo quesito in uno o più colloqui con un professionista al fine di avere il giusto spazio e il giusto ascolto. Certi quesiti purtroppo non si possono sempre accogliere attraverso un forum.


Un caro Saluto

Convive da anni con una disabilità fisica che però può farla sentire molto limitata. Anche se sulla carta ha imparato a conviverci sono situazioni che rischiano di aumentare la rabbia verso il mondo, verso gli altri e, paradossalmente, a volte anche verso se stessi. Probabilmente ha deciso di iperinvestire l'aspetto intellettuale e qualche piccola caduta di stile l'hanno portata a catastrofizzare e a intristirsi o arrabbiarsi più del dovuto. A volte la psicologia insegna a essere più indulgenti con se stessi e meno arrabbiati con gli altri

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbo Ossessivo Compulsivo"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Doc omosessuale o omosessualità?

Salve a tutti, sono nuova qui, cercherò di spiegarvi al meglio la mia situazione premettendo ...

12 risposte
Come gestire l’ansia dovuta ad un senso di colpa?

Anni fa, in seguito ad una brutta delusione d’amore credo di aver sviluppato il disturbo osses ...

9 risposte
NON SONO INNAMORATA O È DOC?

Salve gentilissimi! Mi presento innanzitutto, sono Miryam ho 26 anni e da un anno a questa parte ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.