Disturbo Ossessivo Compulsivo

Trans o No?

Alessandro

Condividi su:

Ho letto una domanda precedente aperta da una ragazza che si credeva omosessuale ma che aveva paura di essere trans. E leggo su internet che ci sono tanti casi simili.
Io sono uno di questi. Da quando, qualche mese fa, mi sono posto la domanda se sono trans, se in realtà mi sento donna, non riesco più a non pensarci. Ho 23 anni ed è la prima volta nella mia vita che penso una cosa del genere.
Prima ancora invece, un anno fa, il dubbio era se ero omosessuale o no.
Ora diciamo che è rimasto solo quello della transessualità perché mi sembra come se raccolga al suo interno anche l'altro.

Il fatto determinante, credo, in me (e probabilmente anche negli altri casi) è che mi sono percepito sempre maschio. Depresso ma uomo, ho sempre sbavato dietro alle ragazze e mi sono sempre piaciuti gli abiti e i giochi maschili.

Tuttavia non riesco a liberarmi della domanda perché mi fa sentire più pieno, in particolare mi fa sentire parti del corpo più piene e più libere (come l'interno della pancia e l'addome) che altrimenti non sentirei. E anche la mente è più rilassata quando accetto questa credenza interiore (non so come chiamarla al momento), nonostante la paura di fare una transizione sia tanta. Ma se non alimento costantemente questo "sì" , questa accettazione, la sensazione di pienezza se ne va.

Di solito, senza generalizzare troppo, quando una persona è trans o omosessuale è perché gli piace qualcosa che "non dovrebbe". In questo caso invece l'idea non mi piace, almeno non consciamente, ma mi fa sentire meglio. Se vale qualcosa, non mi sono mai sognato donna e ho sempre fatto sogni erotici da uomo con le donne.

Eppure, quando mi faccio queste domande tutto mi sembra possibile. E se le rifiuto mi sento solo peggio. Per chiarirmi le idee ho anche provato a frequentare dei ragazzi e a baciarne uno, ma mi è sembrato strano e non particolarmente piacevole. Mentre con le ragazze mi sento spinto da una carica erotica.

Ho dato tutti questi particolari perché i suggerimenti di solito si dividono sempre in due:
-Hai un doc, risolvilo.
-Puoi essere sessualmente e identitariamente ciò che vuoi, quindi sentiti libera/o.

Il problema è che il dubbio, la difficoltà rimangono e non so bene che fare.

Al momento sono convinto che per stare meglio dovrò fare la cosa difficile, e cioè accettare questa cosa dentro di me e cambiare sesso (anche se non so se mi sentirò mai naturale come donna). E al contempo penso che, una volta che questo problema sarà risolto, la sensazione di pienezza in parte se ne andrà e arriverà un altro doc a rompere le palle.

E' possibile che un DOC faccia sentire meglio, più pieni?

Ho avuto un terapeuta che mi ha aiutato in passato con la paura di non piacere alle persone, alleviando così il mio stato depresso. Ma non mi ha mai saputo spiegare perché questa cosa dell'omosessualità/transessualità, pur ritenendolo un DOC, mi facesse sentire meglio.

Vi leggo sul sito e siete carinissimi.
Ogni risposta e ogni consiglio sono graditi.
In più, dato che è una cosa che mi pesa molto, vi chiedo se avete il contatto di qualche massimo esperto in materia.
O conoscete ragazzi/ragazze che hanno superato una fase simile con successo?

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile sig. Alessandro,


sembra che il bisogno di pienezza che lei descrive sia ciò che la induce a considerare la possibilità di essere transessuale e che questa percezione interiore la faccia stare particolarmente bene tanto da fungere da rinforzo all'idea che possa essere effettivamente transessuale. Da come espone i fatti, sembrerebbe non esserci, comunque, in lei un forte desiderio di appartenere all'altro genere o di essere considerato come appartenente a un altro genere, dato che scrive di essersi sempre percepito "maschio". Inoltre, mi sembra che combini gli aspetti della transessualità e quelli della omosessualità sebbene essi non sempre siano correlati, specie quando afferma di provare attrazione fisica verso le donne e di aver baciato un uomo senza provare attrazione sessuale. Ciò potrebbe essere correlato al fatto che, in precedenza, aveva il dubbio di poter essere omosessuale e che questo è stato "sostituito" dall'idea della transessualità come se fossero cose necessariamente congiunte.


E' tipico del disturbo ossessivo compulsivo quello di costringere il soggetto a pensare reiteratamente alle ossessioni che si installano, talvolta del tutto casualmente, ed a rispondere con la ricerca di elementi che comprovino o disconfermino quanto espresso dalla mente. L'obiettivo è quello di risolvere in maniera definitiva un dubbio che assale e che si ritiene particolarmente rilevante per sé.


Se lo desidera, sono disponibile ad approfondire con lei questi aspetti e aiutarla a comprendere meglio questo desiderio di pienezza che sembra rassicurarla.


Con la mia specializzazione in terapia cognitivo comportamentale, sono in grado di fornirle un supporto efficace e evidence-based.


Mi contatti pure per una consulenza, per info e domande o per fissare un colloquio nel mio studio a Bari o online.


Cordialmente,


Dott.ssa Chiara Polieri


Psicologa Psicoterapeuta CBT Terapeuta EMDR

Gentile Alessandro,


La sua problematica non è di mia competenza, però posso suggerirle il dott. Antonio Prunas che è specializzato in sessuologia ed è stato mio docente in università. Lo trova anche su Instagram, riceve a Milano ma anche online. Ho visto che ha anche un blog nel quale pubblica articoli su diversi temi legati alla sessualità, spero possa esserle utile. 


Un caro saluto,


Dott.ssa Chiara Crespi

Caro Alessandro, ogni disturbo ha la sua funzione, ci dice qualcosa di noi. La storia dalla quale veniamo poi ci aiuta a capire perché siamo vulnerabili a sviluppare quel tipo di difficoltà e non un'altra e quali significati ci sono dietro il sintomo che manifestiamo. Per rispondere alla sua domanda direi di sì, è possibile! Proprio per il significato che diamo a questi pensieri. La terapia cognitivo-comportamentale spiega molto bene il funzionamento ossessivo e come si mantiene e per esperienza dà ottimi risultati. Le consiglio di cercare un terapeuta di questo orientamento nelle sue vicinanze. Le auguro il meglio!

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbo Ossessivo Compulsivo"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Disturbo ossessivo compulsivo

Salve a tutti, vi scrivo Perchè da circa due anni soffro di disturbo ossessivo compulsivo, in ...

3 risposte
Disturbo ossessivo compulsivo

Salve Dottori, cercherò di essere quanto più breve possibile nello spiegarvi il mio ...

1 risposta
ossessione e ansia per gli oggetti

SalveHo visitato siti diversi e letto varie spiegazioni sull'ansia e i disturbi ossessivi compulsivi ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.