Attacchi di panico

Disturbi d'ansia durante la notte ed a volte in luoghi pubblici insieme con la ragazza

Luca

Condividi su:

Salve da 5 mesi frequento una splendida ragazza con cui mi ci trovo abbastanza bene se non fosse per alcune critiche, gelosie ed insoddisfazioni generali che manifesta con frequenza non troppo rara nei miei confronti. Vivendo da sola è capitato che mi invitasse a fermarmi a dormire da lei ma questo provoca in me durante la notte attacchi d'ansia che mi impediscono di dormire bene, mi alzo spesso durante la notte con battiti del cuore accelerati, sudore, ansia, senso di claustrofobia... questo mi ha portato a rinunciare a dormire con lei, tuttavia il problema si ripresenta anche quando andiamo in vacanza insieme e per me questa cosa è un vero inferno!

Non so che messaggi voglia mandarmi il mio corpo... se non sono pronto io per una relazione, se non va bene lei per me? Quando dormo da solo non succede quasi mai a meno che non litighiamo di sera...

16 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Sig. Luca,


è significativo che queste forme d'ansia emergano solo quando dorme con la sua ragazza. Lei, inoltre, la descrive con molto affetto e amore. La condivisione dello stesso letto implica la condivisione di una forte intimità...forse Lei non è ancora pronto ad affrontare questa intimità? Inoltre, Lei parla anche di alcune critiche e di una leggera gelosia..di chi e verso chi? Le consiglio di affrontare questa situazione...che se viene rimandata si può incancrenire con questa relazione oppure ripresentare in una nuova relazione.


Non esiti a contattarmi.


                                                        

Ma è la prima relazione in cui ti spingi oltre?. Ossia rimanendo a dormire, facendo vacanze insieme?...È la prima esperienza in cui devi condividere qualcosa ?.....Certo è che quando la persona che abbiamo accanto ci fa sentire bene questi sintomi non dovresti averli. Non trascurare quanto hai scritto all inizio. Ossia che lei ti piace esteticamente, però ti senti criticato, è gelosa ed un po' insoddisfatta del vostro rapporto.

Buongiorno Luca, mi sembra di intuire che il tuo disturbo si manifesti solo quando c'è un coinvolgimento con la tua ragazza. La mia ipotesi è che la relazione con lei ti abbia slatentizzato qualche problematica irrisolta, di cui te stesso non ne sei consapevole. Per comprendere quali sono le cause che producono queste tue reazioni psicofisiche ti consiglio una breve psicoterapia cognitivo-comportamentale che ti sostenga nell'elaborazione degli elementi che hanno scatenato le tue crisi d'ansia e, nel contempo, ti permetta di acquisire gli strumenti psicologici per poter adeguatamente superare la difficoltà affettivo/relazionale  che stai vivendo. Con i miei migliori auguri anche per la Pasqua ti saluto cordialmente.

Salve Luca da quello che dici mi sembra di capire che lei è una ragazza che a volte critica e questo ti mette in ansia in quanto non ti senti libero di mostrare anche i tuoi punti deboli. Io penso che il problema possa essere che temi il giudizio negativo da parte degli altri, magari chiediti per quale motivo è tanto terribile se gli altri ti giudicano male? Forse ci possono essere temi di insicurezze che non ti fanno godere appieno di questo rapporto.Per qualunque chiarimento sono a tua disposizione ciao


 


 


 


 


 


 


 


 

Buongiorno, spesso l’attacco di panico è, come giustamente ha ipotizzato lei, un segnale della nostra mente che indica un malessere. In passato ne ha sofferto? Se si, ricorda in quali circostanze veniva attivato? In questo suo caso specifico, più che di un attacco di panico, mi verrebbe da suggerire che si tratta di un disturbo di ansia perché, molto spesso, l’attacco di panico vero e proprio si manifesta all’improvviso, senza una causa scatenante apparente.


Sicuramente siamo davanti a uno stato di disagio, di malessere legato alla situazione che sta vivendo con la sua fidanzata, infatti all’inizio della sua mail, ha esordito dicendo che spesso lei lo critica, soffre di gelosia e insoddisfazione nei suoi confronti. State insieme da poco, solo 5 mesi, dovete ancora conoscervi bene, anche se, la fase iniziale di una relazione dovrebbe essere connotata da sentimenti positivi e benessere per entrambi i partner. Se è presente uno stato di angoscia e insoddisfazione vale la pena fermarsi un attimo e parlare insieme con tutta sincerità.


Cosa non ti piace di me? La gelosia è realmente motivata o frutto di una profonda insicurezza? Cosa genera l’insoddisfazione?


Sono domande profonde che hanno bisogno di risposte sincere.


Prendetevi del tempo per parlare senza timore, il “non detto”, è come una voragine che alla fine porta alla rottura, ecco perché è fondamentale farlo subito senza aspettare.


Un caro abbraccio


 

Gentile Luca, ci sarebbero tante domande da fare per approfondire quanto da lei descritto. Ad esempio se è la prima volta in cui una relazione manifesta la possibilità di una intimità maggiore a quella sessuale; se ha avuto altri episodi di insonnia o ansia legati ad altri eventi della vita; che effetto fa ricevere delle critiche; che rapporto ha con il conflitto e come lo gestisce di solito. Sicuramente l' Ansia le sta inviando dei messaggi. Con la guida di uno psicoterapeuta potrebbe imparare a decodificarli e ad affrontare con consapevolezza e serenità le normali crisi individuali che crescere comporta.


Un Caro Saluto

Salve, le critiche e le insoddisfazioni generali hanno probabilmente abbassato il suo livello di austostima. L'ansia che prova, potrebbe essere un'ansia da prestazione. Le suggerisco sia di parlare con la sua compagna facendole capire che lei accetta le critiche se queste però sono formulate in maniera costruttiva e non offensiva. Lei cerchi,  di riflettere sulle sue virtù e sui suoi successi e si eserciti molto ad associare ad ogni atteggiamento negativo (che le viene indicato) un suo atteggiamento positivo, così imparerà a riformulare le critiche come suggerimenti costruttivi.

Sarebbe importante avere più chiaro quanto sono frequenti queste critiche durante il tempo in cui state insieme, che tipo di critiche e in che modo possono essere nocive per il suo valore personale. Aldilà di una serie di tecniche ed esercizi che possono permetterle di gestire la sua ansia, deve sapere se questo rapporto di coppia la danneggia in alcuni momenti e se può imparare a gestire meglio questa relazione nelle aree critiche.

Buonasera Luca.


A me sembra che una spiegazione, anche senza accorgersene, lei se la sia già data premettendo che questa sua splendida ragazza molto frequentemente la critica, esprime delle insoddisfazioni e, nel contempo, è gelosa. L’ansia che lei prova e tutti i sintomi che descrive sembrano proprio quelli di un attacco di panico.


Tuttavia, risponderei alla sua domanda finale (non sono pronto per una relazione o questa ragazza non va bene per me?) con una domanda completamente diversa. Ossia: sono certo che questa situazione non si verificherebbe anche con un’altra donna?


Lei ha 27 anni, quindi è già un uomo (anche se giovane) e i motivi profondi che determinano il disagio che descrive possono essere vari e possono essere esplorati solo nel corso di un colloquio.


Per questo, le consiglierei un colloquio esplorativo con uno psicoterapeuta con l’aiuto del quale potrà farsi un quadro più consapevole della situazione e delle sue modalità di vivere le relazioni affettive.


 

Buonasera Luca mi sembra un problema che per quanto assolutamente fastidioso possa essere risolto bene e presto con la terapia breve strategica che applico quotidianamente. Se vuoi puoi contattarmi sulla posta elettronica. Ricevo a Roma in due studi e anche fuori Roma nella zona dei Castelli romani. Sono inoltre psicoterapeuta ufficiale della scuola di terapia breve strategica 

Salve,


noto con piacere che è in grado di vedere il suo problema in un ottica sistema e psicosomatica, il che è già un aiuto. Sarebbe interessante sapere se ha già affrontato un percorso psicoterapico e se ha già avuto problemi di ansia collegati ad altri eventi di vita.


Se è in grado di notare che l'esordio dei sintomi è collegabile all'inizio della sua storia sentimentale è assai probabile che siano collegati ad essa, ma non necessariamente nel senso che non va bene per lei. è possibile che questa storia tocchi dei suoi temi esistenziali che le procurano una sintomatologia ansiosa, sarebbe quindi necessario che lei consultasse un professionista nella sua zona poichè è bene intervenire piuttosto precocemente e avere molti più dati per poterle essere d'aiuto.


Resto volentieri in ascolto.

Buonasera Luca, penso che in parte lei abbia già compreso che questi stati ansiosi possono collegarsi alla sua relazione con la sua ragazza. Il fatto che si presentino solo quando siete insieme o dopo aver litigato, è sintomatico del fatto che qualcosa non funziona o la disturba e le impedisce di viversi questo rapporto con serenità. Credo sia utile analizzare cosa lei desideri in questo momento e soprattutto quali sono le cause del suo malessere.


Una buona serata.

Buonasera Luca,


È sicuramente difficile risponde ad una domanda senza conoscere bene la storia di vita di una persona.


Proverò a sintetizzare quello che mi è arrivato leggendo le sue righe, e spero di poterle essere d’aiuto.


Lei scrive di sentire un forte senso di costrizione quando dorme a casa della sua ragazza, sembra come se quest’ansia sia legata ad una sensazione di limitata libertà che la porta ad uscire da una terra di mezzo per ritrovarsi in una situazione definitiva, percepirsi all’interno di una coppia, quindi senza una via di fuga che lo possa riportare nella sua confort zone, ovvero il suo contesto di vita protetto e conosciuto.


Le consiglierei di approfondire meglio questo senso di “costrizione” da quanto tempo lo vive, se le è capitato di provare la stessa situazione in passato e se anche allora la tentata soluzione è stata la fuga.


 


 


 

Gentile ragazzo,


sembrerebbe che la sua ansia si colleghi fortemente a dei rapporti ravvicinati con questa ragazza o a dei dissidi con essa.


Uno psicologo psicoterapeuta può senz'altro individuare la tematica psicologica che è alla base della sua ansia e contrastarla con opportune strategie, per cui le consiglio senz'altro di consultarlo per il benessere di entrambi.


Tenga anche presente che l'ansia riconosce fattori scatenanti recenti e spesso fattori predisponenti di un lontano passato, in genere infantile.


Può trovare indicazioni sul trattamento degli attacchi di ansia nell'articolo: psicologi-italia.it/ansia-e-depressione/attacchi-di-panico/articoli/strategie-efficaci-contro-gli-attacchi-di-panico.html


Cordiali saluti

Gentile utente, ne ha parlato con qualcuno di questo suo disturbo? il medico di base o un altro specialista?


ha mai sofferto in passato di questi sintomi o è la prima volta?


il consiglio che mi sento di darle è di rivolgersi ad un professionista esperto che possa aiutarla a comprendere il suo disagio e a capirne i meccanismi scatenanti. Non è possibile ovviamente fare ipotesi via internet nè su di lei nè sulla sua relazione di coppia. sicuramente, invece, approfondendo la situazione vis a vis lo specialista potrà anche rispondere ai suoi eventuali dubbi o domande.


resto a sua disposizione

Salve Luca,


ti è già capitato in passato di avere questi attacchi di cui parli?...Inoltre quando sono iniziati esattamente in questo periodo?... Generalmente come reagisci nell'istante in cui compaiono?


Scrivi che ti trovi abbastanza bene, immagino che non si esauriscano in quelle frasi le tue emozioni, i tuoi pensieri rispetto alla relazione con la tua ragazza....Non hai neanche fatto cenno al resto della tua vita lavorativa, famigliare, sociale, ecc.... Come puoi notare ci sono tanti fattori che ruotano intorno ai sintomi fisici che hai descritto. Sarebbe opportuna una consulenza psicologica, che può durare anche solo qualche incontro per chiarire un pò il tuo disagio e darti la possibilità di sentirti di nuovo bene.


Rimango disponibile per dubbi o domande ulteriori.


Cordiali saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Attacchi di panico"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Paura dell'infarto

Dottori aiutatemi, sono mesi ormai che praticamente non vivo più, ho sempre l'ansia e la ...

4 risposte
Che cosa mi succede.

Ogni volta che mi trovo in una determinata situazione,vale a dire, all'interno di una struttura, ...

4 risposte
Mio nipote ha attacchi di panico e pensa al suicidio.

Buonasera, vorrei esporre un problema che riguarda mio nipote di 17 anni. Ha smesso di andare a ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.