Attacchi di panico

Improvvisamente mi viene una sensazione di calore che parte dai piedi fino alla testa,poi sopraggiunge un dolore allo sterno e tachicardia

barbara

Condividi su:

salve,da alcuni mesi,non sono piu me stessa,improvvisamente mi viene una sensazione di calore che parte dai piedi fino alla testa,poi sopraggiunge un dolore allo sterno e tachicardia,mi sento venire meno e ho le mani fredde e tremore improvviso.ho fatto tac risonanze ecografia cardiaca dalla quale risulta un reflusso perche non si chiude bene la valvola e un parziale blocco di branca destro.le volevo chiedere se i miei malori possono dipendere da questo problema ?se si cosa mi consiglia di fare? non vivo piu una vita normale .grazie

13 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Barbara il suo problema è tipicamente dato dal reflusso gastroesofageo, come immagino le abbiano già detto i medici, quindi su questo non credo ci sia molto da parlare. Chiaramente la scoperta di questi problemi e l'incontro con i sintomi con cui agiscono, implicano "un sentito", talvolta anche molto intenso, richiedono un impegno adattivo, fatto di conoscenza, comprensione, capacità di gestione, integrazione con la propria esperienza di persona e di ripristino di una capacità di regolazione. Tutto questo avviene naturalmente attraverso una vivace animazione della mente, con emozioni, fantasie, organizzazioni simboliche e affettive: è il segno che lei ha un apparato mentale che sta cercando di dare senso e organizzazione a questa esperienza, cercando di integrarla con la sua esperienza più generale di persona. 

A questo un percorso anzitutto di consulenza psicologica potrebbe aiutarla nel riorganizzare appunto senso e modalità di regolazione, oggi messe in stallo da questo evento. Questi eventi possono essere una risorsa, possono essere l'occasione per accendere in sè sviluppando un desiderio di maggiore integrazione con le proprie esperienze, di oggi e della vita. 

I miei migliori auguri. 

Buon giorno,

lei descrive tutti i sintomi di una problematica relativa ad un disturbo d'ansia, l'avere fatto tutti gli accertamenti che le hanno evidenziato l'unico problema non ha infatti fatto passare questo malessere!!!

probabilmente inconsciamente sente un malessere non riconosciuto che esprime con il corpo.

io le consiglierei un percorso legato alla risoluzione del problema attraverso l'ipnosi e/o la bioenergetica  che potrebbero darle la possibilità, dipendentemente dalla sua volontà e dalla sua disponibilità emotiva, di risolvere quel conflitto interno che le sta dando tante noie!!!

spero di esserle stata utile

a presto

gentilissima Barbara,

innanzitutto, per eliminare ogni pensiero riguardo i suoi sintomi, deve rivolgersi ad un cardiologo.

 Se il cardiologo dirà che è tutto a posto e che i suoi sintomi non hanno niente a che vedere con il reflusso allora si potrbbe ipotizzare che i suoi sono sintomi psicosomatici dovuti ad attacchi di panico.

Bisogna approfondire di più il suo assessment, in altre parole,si tratta di comprendere ed interpretare i fenomeni comportamentali nella prospettiva della ricostruzine storica delle fasi che hanno condotto alla loro espressione attuale. L'assessment è considerato un processo durante il quale si raccolgono  osservazioni, si avanzano ipotesi che le giustificano. In seguito si potrebbe consigliare una terapia cognitivo comportamentale.

Se lo ritiene oportuno può contattarmi.

Cordialmente Le porgo  i saluti.                                               

Salve Barbara, i sintomi che lei descrive si possono rilevare negli attacchi di panico. Prima però di attribuirli ad un problema esclusivamente psicologico mi rivolgerei ad un bravo cardiologo. Bisogna comunque tenere conto del fatto che se anche si trattasse di un problema organico, un malessere fisico può comportare uno stato di preoccupazione e ansia con una ricaduta negativa sulla qualità della vita. Cordialmente

 

Cara Barbara, da quanto  affermi mi sembra chiaro che il tuo disturbo dipenda da una forma di cardiopatia. Molto probabilmente non sentendoti in forma anche l’aspetto psicologico ne risente ed in te possono aumentare le insicurezze e timori. Per ora  ritengo che sia indispensabile che ti affidi alle cure di un bravo ed esperto cardiologo. Non ne conosco a Viterbo ma a Roma esistono Centri Eccellenti di Cardiologia ad esempio presso  l’Ospedale San Camillo  (Circonvallazione Gianicolense)  e Ospedale San Filippo Neri  (Zona Trionfale – Boccea).  Ti faccio i miei migliori auguri ed un cordiale saluto.       

Gentile Barbara, il problema organico ha sicuramente il suo peso, dovrebbe parlarne con il medico che la segue e sentire se ci sono rimedi. Dal punto di vista psicologico è importante prestare attenzione al vissuto che accompagna queste reazioni fisiche.Un malessere fisico mette sempre in crisi il personale senso di sicurezza, delle volte però può esserne amplificata la portata soprattutto se contemporaneamente ci sono altre importanti questioni in corso, nella sfera familiare o in quella professionale.

Buonasera 

quelli che lei descrive potrebbero essere dei sintomi presenti anche durante attacchi di panico: sensazione di calore in tutto il corpo, vampate, tachicardia, tremori, che si presentano in maniera improvvisa senza apparente spiegazione. Questo non significa che si possa fare una diagnosi di panico perchè per poter fare questo occorre sapere :1)da quanti mesi si presentano 2)ogni quanto si presentano 3)cosa fa quando le accade di provare queste sensazioni. Soprattutto è fondamentale escludere che essi siano derivati da squilibri fisici; per fare questo è necessario fare la storia dei suoi sintomi. Per dare risposta a questo quesito si può rivolgere al suo medico di base che potrebbe fornirle già delle indicazioni in merito ed eventualmente inviarla ad uno psicologo oppure richiedere lei un primo colloquio con uno psicologo in modo da avere le idee più chiare. Le vorrei comunque dire che se fossero sintomi del panico, si CURANO e si impara a GESTIRLI per MIGLIORARE IL PROPRIO LIVELLO DI BENESSERE che si è andato perdendo nel tempo. Spero di esserle stata d'aiuto e se le fa piacere le faccio presente che la nostra etica come CENTRO MIND è quella di non far dipendere un primo colloquio dal pagamento dello stesso quindi se ritiene necessario si senta totalmente libera di chiederci un appuntamento dove poterle fornire ulteriori risposte. 

La ringrazio 

Un saluto

Buona sera Barbara, sicuramente il suo cuore non sta bene, causando  dei problemi circolatori che alterano  la temperatura delle parti del corpo.  Insieme a questi malori si associa, naturalmente, la parte emotiva con la sensazione di perdita del controllo e la difficoltà di gestire il proprio corpo nelle azioni del  quotidiano. Quindi le consiglio di farsi seguire prima di tutto da un bravo cardiologo e poi di affidarsi alle sue cure per gestire contemporaneamente anche  la componente emozionale. Cordiali saluti

Gentile Signora, i sintomi che lei descrive potrebbero essere  dovuti alla condizione medica che descrive. Si può aggiungere che trattasi di classici  sintomi che spesso risultano  correlati ad uno stato di stress cronico. Per cui è da valutare se possono esserci delle vicende personali, più o meno recenti, che possono aver causato un disagio psicologico che non riesce a risolvere e da cui derivano  circoli viziosi di mantenimento che contribuiscono ad acuire i sintomi e lo stato di malessere in generale. Per una risposta più esauriente occorrono quindi altre informazioni.. la ringrazio

Gentile Signora,

il medico cosa le ha suggerito? Se il medico ritiene che i suoi malori non dipendono da questo problema, dovrebbe approfondire meglio questi sintomi.Da quanto tempo le accade? In quali posti?Con chi è  quando avverte questi  sintomi? C'è qualcosa che non riesce più  a fare per paura che possano sopraggiungere nuovamente questi sintomi?

Salve, le consiglio di consultare un medico per capire la natura dei suoi sintomi. Se non dovesse emergere nulla da un punto di vista medico, allora i suoi  sintomi potrebbero essere di natura psicologica. A volte il nostro corpo ci comunica delle cose che non riusciamo a capire. Grazie per avermi contattato.

Salve, i suoi sintomi andrebbero approfonditi con indagini mediche specifiche prima di poter pensare ad una problematica di tipo psicologico.

Nel momento in cui gli esami medici risultano negativi allora la sintomatologia esposta potrebbe essere vista come un probabile stato ansioso.

Quello che le consiglio è chiarire la natura dei suoi disturbi, e una volta esclusa completamente una causa medica, allora magari pensare di rivolgersi ad uno psicologo per analizzare il disagio in un ottica diversa.

Spero di esserle stata utile,

La saluto cordialmente

Buongiorno, 

le sue sensazioni sono attacchi di ansia, probabilmente dovuti al fatto che lei percepisce qualche segnale dal suo cuore che la spaventa. Tutto questo avviene in tempi in cui la consapevolezza non fa in tempo ad intervenire e a spiegarsi cosa stia succedendo.

La letteratura scientifica riporta dati in questo senso (non se la vada a leggere, non serve a niente) servirebbe invece un percorso di psicoterapia cognitivo comportamentale per imparare a riconoscre i sintomi fisici e quelli emotivi, imparare a discriminarli e a regolare l'espressione delle emotività.

Il percorso è relativamente semplice, ma deve essere condotto da un tearapeuta esperto. io sono a Milano, ma se interessa e mi scrive, posso cercare un collega nella sua zona.

E tornerà a vivere! 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Attacchi di panico"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Paura

Salve, sono una ragazza di 20 anni e da 3 anni sono in cura con zoloft per ansia ed attacchi di ...

7 risposte
Paura ad uscire di casa

Salve, due giorni fá, ho avuto un giramento di testa molto forte che mi ha spaventata molto, ...

17 risposte
stati di panico

Sono un'insegnante che opera nella scuola primaria. Dal mese di marzo 2017 un'alunna manifesta attac ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.