Disturbo Ossessivo Compulsivo

Dopo un primo attacco di panico mi si è stravolta la vita

Roberto

Condividi su:

Buongiorno dopo un primo attacco di panico a cui non diedi molta importanza ne seguii un altro dopo circa un mese ..da quel momento mi si è stravolta la vita,l'ansia non mi ha più abbandonato complice anche un esame urologico che dovevo fare a seguito di un dolore ai testicoli ,da lì la paura e l'ansia costante di avere un tumore ai testicoli o al cervello (paura poi scongiurata non avevo nulla)..dalla paura delle malattie fisiche sono passato alla paura delle malattie mentali,la paura di poter fare male ai mie cari o a me stesso,la paura di poter perdere il controllo e tutta la mia vita..avevo tanti bei progetti un figlio..una vita serena con la mia compagna e il mio cane che amo tantissimo ..questo pensiero mi attanaglia il cuore e l'anima..
Lo psicologo dice essere un disturbo ossessivo..non riesco a uscirne
ho una paura matta che io possa avere qualche malattia mentale ..paura di perdere tutto quello che ho guadagnato con sudore e ambizione..paura di perdere la mia compagna...rivorrei solo mia vita prima di quei maledetti attacchi di panico

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve, Roberto,


le voglio dire solo un paio di cose, e magari darle qualche spunto: che periodo era quando ha avuto il primo attacco di panico?


Sa, l'attacco di panico non è un fenomeno di per sé negativo, ha la funzione in qualche modo di "svegliarci", di farci prendere coscienza che forse qualcosa non stava andando bene e che certe emozioni non avevano fino ad allora avuto modo di esprimersi.


Inoltre, le sue paure paradossalmente testimoniano la sua grande voglia di vita. E' l'altra faccia della medaglia della vita, la paura di perderla. Per cui, pittosto che combattere con le sue paure, volendole eliminare, le ascolti, ci stia con loro e cerchi di capire che messaggio hanno per lei.


Ogni emozione che proviamo ha un senso, persino quelle che ci sembrano più folli. 


Buona giornata.

Buongiorno Roberto,


ciò che lei scrive mi porta ad essere d’accordo con lo psicologo che la sta seguendo. Sembra evidente la presenza di un disturbo Ossessivo Compulsivo in comorbilità con una sindrome ansiosa. Capisco le sue preoccupazioni, ma stia tranquillo che non c’è alcun rischio di poter sviluppare malattie mentali più gravi.


Deve avere pazienza e con l’aiuto del professionista trattare il problema ossessivo con attenzione alla gestione dell’ansia. Una volta il disturbo ossessivo era considerato tra i più difficili da trattare, ma ormai da diversi anni con l’aiuto delle tecniche cognitive e, ancor più, con quelle comportamentali, si ottengono ottimi risultati.


Abbia fiducia nella psicoterapia e si impegni in essa.


Augurandole ogni bene le porgo i miei più cordiali saluti.


Dr Marino Donà

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbo Ossessivo Compulsivo"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Disturbo ossessivo compulsivo

Salve Dottori, cercherò di essere quanto più breve possibile nello spiegarvi il mio ...

1 risposta
ossessione e ansia per gli oggetti

SalveHo visitato siti diversi e letto varie spiegazioni sull'ansia e i disturbi ossessivi compulsivi ...

6 risposte
Ho paura di essere trans

Gentili dottori,mi chiamo Beatrice e ho 16 anni.vi scrivo perché è da 5 mesi che soffr ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.