Psicologia scolastica

Domanda?

Francesco

Condividi su:

Mio figlio compie 4 anni a dicembre. Questo è il secondo anno che frequenta l asilo comunale del mio paese.
L'altro giorno mi chiama la preside facendomi presente che il bambino ha delle lacune di espressione, cioè gioca solo con un amichetto e parla poco. Mi è stato consigliato di portare il bimbo da un psicologo infantile. Io sono rimasto a bocca, aperta anche perché mio figlio non è come lo descrive la maestra, non si esprime in modo corretto, ma si fa capire abbastanza bene .. Tenendo conto che nel l anno, ho trovato una maestra che urlava  contro mio figlio in modi anomali, io non ho denunciato l'accaduto, ma ho preferito capire il perché.

Saluti

8 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Francesco


Conosco l'ansia che queste prese di posizione degli insegnanti creano nei genitori; proprio per questo le consiglio di rivolgersi a un esperto, possono bastare poche sedute per accertarsi se il problema esiste o no e decidere cosa fare. Credo sia l'unico modo per riacquistare la serenità. L'alternativa è restare nel dubbio con la paura di sbagliare e di doversi portare appresso il senso di colpa per non essere intervenuti in tempo quando era necessario farlo e il problema era facilmente risolvibile, vista la giovanissima età del bambino.


Saluti

Le conviene anche in questo caso capire il perchè di questa mancata espressione per suo interesse e nell'interesse dello sviluppo del bambino, lo sviluppo sociale e linguistico è necessario ai fini di apprendimenti propeudetici a quelli futuri scolastici, sarà lo psicologo a valutare a cosa ciò attiene se si tratta di carenze evolutive o riferite a ambienti ostili come lei sembra suggerire.       

Salve Francesco,


per togliere ogni suo dubbio io ritengo che una consulenza con uno psicologo infantile non sia così sbagliata. Lei ha una relata nel contesto domestico che si scontra con la visone della preside della scuola che frequenta suo figlio. Spesso i genitori hanno difficoltà ad essere pienamente obiettivi per ciò che riguarda i propri figli quindi ritengo che l'osservazione clinica esterna di uno specialista potrebbe esserle di aiuto.


A disposizione.

Buongiorno Francesco. A 4 anni sono piccolini e la socializzazione è ancora in via di formazione. A mio avviso (parlo anche da genitore) ricorrere ad uno psicologo infantile può aiutarla a capire meglio se si tratta di un possibile difficoltà nel linguaggio che si riflette sulla socializzazione o se l'attenzione va posta sull'aspetto relazionale. La maestra che urlava sicuramente non è stata una bella esperienza per suo figlio e può avere influito sul suo modo di vivere quell'ambiente. In questi casi occorre lavorare molto sul bambino per permettergli di vivere in modo il più possibile sereno l'esperienza dell'asilo e così consentirgli di superare l'impatto, a volte realmente traumatizzante, di certe modalità tutt'altro che educative. I bambini negli asili sono tanti e non di rado sono presenti momenti di confusione (più che leciti e anzi da capire), ma questo non giustifica il ricorrere a urla per poter gestire/seguire in modo adeguato i piccoli utenti. Se la psicologa le consiglierà di sottoporre il suo bimbo a una valutazione logopedica, non si spaventi, anzi (le parla un papà che ha fatto seguire suo figlio per tre anni dalla logopedista)in questo modo lo aiuterà molto, rendendogli meno difficile la comunicazione con gli amichetti e con gli adulti. Se invece le verrà consigliato di fare un persorso di sostegno (al quale dovrà partecipare anche la famiglia, vista l'età del piccolo) non si spaventi ugualmente, perchè sarà una grande opportunità per essere aiutato ad aiutare suo figlio. Cerchi anche di osservare suo figlio nelle situazioni in cui vi trovate con altri bimbi, tipo al parco o a una festicciola. Potrà carpire anche lei qualche eventuale segnale di difficoltà che suo figlio ha nella/durante l'interazione con altri bimbi. L'osservazione è uno strumento molto importante. Spero di poterle essere stato un pò d'aiuto, vedrà che le cose andranno meglio.


Cordiali saluti.


 

Buongiorno, tutti i bambini hanno diverse modalità e tempistiche di sviluppo. Queste devono avvenire però dentro un determinato range di tempo, se questo non succede il bambino può presentare ritardi o difficoltà nella crescita. Potrebbe seguire il consiglio della preside e far valutare la situazione da una persona esterna che non è influenzata in nessun modo dalla conoscenza pregressa del bambino. In questo modo se tutto è a posto lei è tranquilla, in caso contrario può intervenire precocemente ed aiutare suo figlio nel modo migliore.


Cordiali saluti


 

Spesso i bambini in contesti diversi si comportano in modi diversi, non è insolito che parlando dello stesso bambino, le insegnanti e i genitori abbiano punti di vista molto differenti. Questo perché i bambini sono molto sensibili al cambiamento dei diversi contesti. Alla scuola dell’infanzia sono a contatto prevalentemente con i loro pari, mentre a casa si rapportano maggiormente con gli adulti. Credo sia molto faticoso sapere che qualcuno si sia comportato in modo inopportuno e poco educativo con il proprio figlio, ma mi chiedo se valga la pena di confrontarsi con le insegnati per approfondire meglio la motivazione alla loro richiesta, e capire se un eventuale intervento di uno specialista non sia un giudizio a priori sul bambino, ma un’opportunità di avere uno spazio dove tutte le sue risorse possano essere sostenute.

Gentile Francesco


sarò molto sincero e diretto.


Penso che farebbe molto bene ad approfondire.


Lei riferisce un evento che potrebbe essere stato traumatico per suo figlio (una maestra che gli urlava contro).


Mi permetto di immaginare che potrebbe non essere stato l'unico caso. Una maestra che urla contro un bambino magari non lo fa solo una volta.


Lasciamo perdere le lacune di espressione e il fatto che giochi solo con un amichetto e parli poco.


Il punto è l'episodio accaduto. Lei ha assistito e quindi sa meglio di chiunque altro la reale portata dell'evento.


In linea di principio, però, tenderei a non minimizzare. Gli insegnanti hanno un grande ascendente sui bambini e inoltre i piccoli non hanno la stessa sensazione naturale di protezione che avvertono nei genitori.


Uno psicologo esperto potrà essere certamente in grado di comprendere la reale portata dell'episodio (o degli episodi) e determinate cose prima si affrontano e meglio è.


Se poi l'accaduto è poco rilevante, basterà il colloquio iniziale a chiudere la questione. Vada a parlarci lei e analizzi quanto accaduto.


Non importa avere o no denunciato, importa capire cosa è realmente accaduto a suo figlio nel primo anno ed eventualmente anche nel secondo.


Le auguro ogni bene.


 

Caro Francesco,


mi dispiace per quanto accaduto a suo figlio con la maestra. Tuttavia le consiglierei di valutare le indicazioni rispetto alle difficoltà di linguaggio del bambino. A quattro anni il lessico dovrebbe essere corretto, anche se non particolarmente ricco, il bambino dovrebbe comunque esprimersi correttamente, al di là del farsi capire, in quello sono sufficienti i gesti e le espressioni del viso. Le consiglio quindi di provare a far valutare il caso di suo figlio da uno specialista, gli può fare solo del bene! Per quanto riguarda la maestra se ha capito le motivazioni spero ne abbia parlato con lei e la cosa si sia risolta. In bocca al lupo

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicologia scolastica"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Bambina esclusa dalle compagne di classe

Buongiorno, mia figlia Stella ha 6 anni ed ha appena terminato il primo anno di scuola primaria...

6 risposte
Vomito nella mia bimba di 7 anni

Buongiorno purtroppo da ottobre ad oggi, mia figlia che frequenta la seconda elementare quasi tutti ...

5 risposte
Responso riunione maestre

Buongiorno ho scritto qualche gg fa in merito ad un colloquio richiesto dalle maestre della scuola ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.