Autostima

Come si può superare la sensazione di essere un fallimento?

Valerie

Condividi su:

Salve a tutti.
Sono una ragazza di quasi 25 anni con delle grosse "paralisi" emotive che mi impediscono di spiccare il volo.
Per "paralisi" emotive intendo una perenne sensazione di non essere all'altezza delle situazioni che mi si presentano ogni giorno (per esempio al lavoro), una bassa autostima e una tendenza quasi connaturata ad autodenigrarmi. Non so se l'educazione (o la mancanza di essa) ricevuta in famiglia abbia influito su questo mio atteggiamento. In casa, durante il periodo scolastico, sono sempre stata esonerata dalle faccende domestiche, perché, in questo modo, i miei genitori credevano di rendere il mio studio più profittevole. In realtà, questa mancanza di preparazione "pratica" mi ha portato a sviluppare un profondo divario tra le mie abilità in ambito prettamente scolastico, con le quali non ho - a parte un 100 e lode all'esame di maturità - ricevuto alcun riscontro, e quelle reali, che invece mi occorrono nella vita di tutti i giorni, e, non avendole acquisite, mi sento costantemente impreparata a tutto. Ovviamente, più che colpevolizzare i miei genitori per non avermi dovutamente addestrata, come potrete capire, sono profondamente arrabbiata con me stessa per aver accettato passivamente la loro decisione e per essermi crogiolata nella campana di vetro in cui sono cresciuta, lontana dai "pericoli" e dalle "meschinità" della vita quotidiana. Sono comunque consapevole che, per quanti rimorsi possa avere, ormai, purtroppo, il danno è fatto. Ciò che mi interessa sapere è piuttosto come posso venirne a capo, cioè come posso superare la sensazione di essere un fallimento, che mi accompagna praticamente da quando ho dovuto fare i conti con la vita reale (dopo la maturità). Per quanto riguarda il lavoro, sono sul filo del rasoio: per quanto mi impegni, non riesco mai a soddisfare le aspettative del mio capo. Mi sembra di dare il massimo, ma non è mai abbastanza, e, confrontando ciò che faccio io con altri colleghi più giovani, mi rendo conto che in effetti sono davvero lontana dall'essere una brava impiegata. Non prendo mai iniziative per paura di sbagliare, commetto spesso sempre gli stessi errori, quindi non ricevo fiducia da parte dei superiori, e di riflesso non faccio mai progressi. Resto incastrata nel limbo dell'impreparazione e del fallimento.
Ho bisogno di un aiuto per venir fuori da tutto questo. Non so a chi rivolgermi. So che potrei fare di più, ma allo stesso tempo mi sento inetta, oserei dire "stupida". Vorrei sapere se ci sono esperienze simili con un lieto fine, e se sì, come è possibile.

Grazie a chiunque risponderà.

7 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Valerie,


Prendo spunto dalle sue ultime parole e le chiedo “e quale sarebbe per lei il lieto fine?”. Il desiderio insito in lei di “spiccare il volo” rappresenta un’importante spinta motivazionale per intraprendere un percorso di conoscenza di sé e dei suoi bisogni più autentici.


Spesso le percezioni più negative su di sé e sulla realtà sono influenzate da un certo “catastrofismo” che traspare nel suo racconto (“il danno è fatto”) e che alimenta il senso di inadeguatezza e fallimento che la accompagna da quando è entrata nella vita reale, come dice lei “dopo la maturità da 110 e lode”. Spesso i giudizi meno profittevoli originano dalla propria bassa autostima: dove e quando ha imparato ad autodenigrarsi in questo modo e a sentire che non era mai abbastanza?


Un percorso di consulenza psicologica può rappresentare uno spazio di potenziale crescita, rinascita e cambiamento, al fine di sviluppare maggiore consapevolezza di sé, abilità sociali e capacità assertiva utile a “spiccare il volo” verso…


Cordiali saluti.


Dottoressa Daria Carli Giori


Psicologa Psicoterapeuta a Sesto calende (VA) e online.

Gent.ma Valerie,


La tua dissertazione su te stessa evidenzia la tua grande intelligenza e il tuo valore, ma hai necessità di accettare le imperfezioni che tutti abbiamo e non solo tu, nonché i feedback negativi che ti arrivano dai tuoi superiori, perché anche questo è normale, purtroppo. Hai bisogno di rilassarti e aumentare la fiducia in te stessa, mettendo da parte quella lente di ingrandimento che utilizzi nella valutazione di te stessa e altro. Tutti abbiamo bisogno di imparare ciò che ancora non sappiamo e non sappiamo fare. Guardati bene intorno e vedrai tanti che non hanno un lavoro e valgono meno di te. Accontentarsi di quello che abbiamo compresi anche i limiti aiuta a vedere le cose da un altro punto di vista e ad accettare un mondo pieno di imperfezioni. Qualcuno ha detto che non bisogna trovare solo i difetti ma anche i rimedi. So che anche tu puoi farcela, più di qualche altro. Auguri.


 

Gentile Valerie,


Certo che non è l'unica a essere in questa situazione. Purtroppo accade che l'eccesso di protezione dei genitori porti i figli a non fare esperienza e quindi a non acquisire abilità utili sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni. Sicuramente un'esperienza protratta nel tempo rende difficile cambiare le cose ma mi complimento in ogni caso con lei che nonostante questo vissuto continua a lavorare e ad affrontare le difficoltà quotidiane invece di arrendersi. Questo è già un traguardo dal mio punto di vista. Inoltre un percorso con uno psicologo può sicuramente aiutarla a conoscere meglio il suo vissuto e a scoprire le sue risorse che sicuramente ha dentro, per potersi preparare a spiccare il suo volo, che nessun altro potrà spiccare al posto suo. 


Se lo desidera, non esiti a contattarmi e potremo capire meglio insieme in un primo colloquio come potrebbe esserle utile un percorso psicologico.


Un cordiale saluto


Dott.ssa Chiara Crespi

Buongiorno Valerie,


faccio seguito alle bellissime risposte delle mie colleghe per aggiungere la riflessione su un aspetto: il mondo.


Descrivi il mondo in alcuni punti come "brutto - cattivo e pericoloso" (parafrasando le sue parole).


Anche rivedere questo aspetto di certo ti aiuterà a migliorare autostima e autogiudizio.


Ti è stato "risparmiato" il contatto con le cose semplici della vita, la quotidianità delle faccende di casa, ti è stato tolto un pezzo importante di crescita, ma si, si può recuperare, iniziando a fare tanti piccoli passi. Ad esempio, adesso che stai lavorando, la tua vita ha anche altri ambiti di espressione? Curi la casa, la tua stanza, lo sport, le amicizie? Il lavoro (così come lo studio gli anni di scuola) è importante, ma non è tutto, mentre finché occuperà tutto lo spettro della tua attenzione finirà con l'essere sempre e solo la scala attraverso la quale ti vedi e ti giudichi (in modo impietoso senza darti modo di imparare dagli errori).


Per quanto concerne poi una frase che mi ha particolarmente colpita, ovvero il fatto che tendi a fare e rifare spesso gli stessi errori sul lavoro, ti consiglierei di impostare dei quaderni o dei file nei quali quando vieni corretta su un errore, ti segni la correzione (sarebbe utile un modo colorato e creativo, oppure uno schema "ad albero" in cui segni le sequenze del lavoro che devi svolgere sottolineando la parte corretta da eseguire, in sostituzione del precedente errore). Ricorda che non siamo tutti uguali e ciascuno apprende e memorizza in modo differente.


Concordo e consiglio anche io vivamente un percorso psicologico psicoterapeutico.


Un caro saluto

Gent.ma Valerie, 


Premetto che sono rimasta colpita dall'intransigenza che traspare dalle sue parole nei confronti di sé stessa.


Utilizza termini molto pesanti per descrivere la sua persona e sembra che, nonostante il suo impegno nel fare meglio, si ritrovi sempre al punto di partenza, quasi a confermarsi quanto non sia all'altezza. 


Che succederebbe invece se una volta tanto riuscisse? Quali paure nutre alla sola idea di riuscire in qualcosa? Cosa non riesce a perdonarsi? Perché non valuta positivamente alcun aspetto di sé? Pet cosa si sente così tanto in colpa?


Queste sono solo alcune domande che all' interno di un percorso psicoterapico varrebbe la pena approfondire. 


Se mi posso permettere di darle un consiglio, la esorterei a cominciare a prendersi un po' cura di sé e a volersi un po' più bene, attraverso un percorso di psicoterapia. 


Rimanendo a disposizione per chiarimenti o consulto anche a distanza,  la saluto cordialmente. 


Dott.ssa Alessia Marchetti 

Buongiorno a lei. Il suo problema è bassa autostima, insicurezza, senso del dovere, bisogno di approvazione, ovviamente dovrei conoscerla meglio per poter formulare una diagnosi più accurata e valutare il giusto intervento supportivo. Si faccia aiutare da uno psicologo, ne troverà beneficio per  raggiungere una maggiore accettazione di sè e stimoli per modificare alcuni schemi mentali disfunzionali. Io sono disponibile anche online, se crede.


Dott.ssa Francesca Bucci

Gentile Valerie, 


le consiglio di valutare un percorso di psicoterapia individuale dove:



  • Potersi rimettere in gioco;

  • Ri-osservare anche da una nuova prospettiva questo suo giudizio negativo verso di sè;

  • Osservare, comprendere e cercare di riformulare anche il tipo di educazione avuta;

  • Mettersi in gioco e imparare anche a far "valere il suo punto di vista".


In terapia potrà quindi conoscere meglio se stessa e cercare in un luogo protetto, senza giudizio, coperto da segreto professionale e con un professionista di sua fiducia la strada verso un futuro più roseo e dove possano emergere anche le sue qualità e tornare viva in lei la sua autostima.


Dal suo racconto si evincono importanti risorse personali, sono solo da riscoprire e riportare "nella vita quotidiana".


Le linko alcuni articoli scritti da me che potrebbero essere utili anche in questo cammino:



  • https://www.psicoterapiacioccatorino.it/quando-richiedere-una-consulenza-psicologica/

  • https://www.psicoterapiacioccatorino.it/aumentare-la-propria-autostima/

  • https://www.psicoterapiacioccatorino.it/imparare-a-comprendere-i-propri-pensieri/


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive o per un eventuale percorso.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Autostima"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Autostima azzerata

Buonasera, anni fa ho conosciuto un ragazzo, da subito c'è stata attrazione, complicità ...

1 risposta
Non so cosa fare nella vita e come uscire dalla mia situazione

Salve, sono una ragazza di 18 anni, mi sono diplomata e non so cosa vorrei fare nella vita. Mia ...

3 risposte
Abulia e senso di incompatibilità con la vita.

Salve, ho 35 anni e sono in cura farmacologica da 4 anni per doc e bipolarismo, inoltre da qualche ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.