Disturbo Ossessivo Compulsivo

Come gestire l’ansia dovuta ad un senso di colpa?

Lory

Condividi su:

Anni fa, in seguito ad una brutta delusione d’amore credo di aver sviluppato il disturbo ossessivo compulsivo in quanto ho avuto e ho ansie legate a molte paure che prima non avevo o sono stata afflitta da pensieri in maniera ossessiva, pensieri che interferiscono con la mia vita in quanto non vorrei pensarli. Attribuisco la causa a quella storia d’amore che mi ha fatto soffrire molto rendendomi debole. Da molti giorni ormai ho un’ansia perenne legata a quella storia. All’età di 16 anni raccontai a quel fidanzato (ingenuamente) un episodio privato di mia sorella. Me ne pento terribilmente. Successivamente gli dissi che quello che gli avevo raccontato non era vero ma ormai il danno per la mia “psiche” era stato fatto. Sono passati molti anni e adesso io vivo nel tormento se raccontare a mia sorella di questo episodio o meno. Sento di averla tradita, di non essere sincera con lei. Negli anni ho avuto questi pensieri ma mai così forti come adesso. Chiaramente non rifarei e non ho mai più fatto l’errore di raccontare qualcosa agli altri. Lei è la persona più importante della mia vita, abbiamo un rapporto simbiotico, siamo molto legate e mai vorrei farla soffrire ma sento che raccontandole di questo episodio le farei perdere la fiducia che ripone su di me. Il mio cuore vorrebbe tanto dirle quanto sono stata stupida. Non so se può considerarsi un errore adolescenziale ma è sicuro che adesso, a distanza di più di 10 anni, non farei mai e poi mai una cosa del genere. Non voglio farla stare male soprattutto in questo periodo per lei molto felice.

9 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Lory,


Le auguro di riuscire a trovare inizialmente Piccoli momenti di Pacificazione Interiore per questo Peccato Veniale fatto 10 anni fa.


Io credo che lei si debba lasciare alle spalle questa ossessione che mette in discussione quasi una scelta di comportamento:10anni fa, era più importante il legame con sua sorella, oppure il suo ex amore?


Credo che potrebbe avere giovamento anche, cominciando un percorso psicologico di crescita personale, che le permetterebbe di poter fare chiarezza con se stessa, per poi potersi separare da questa 'ripetizione del suo sintomo/pensiero' e ritrovare il piacere di riabbracciare, senza antiche ombre (sue), sua sorella.


Le Auguro di ritrovare presto una nuova Serenità perché se la Merita, Lory!


Per qualsiasi cosa, anche un consiglio, può scrivermi per un appuntamento telefonico.


Un caro saluto.


 

Genitle Lory,


da quello che scrivi sono più di 10 anni che soffri per questo "ossessivo" senso di colpa verso tua sorella. Deve essere davvero molto difficile. Certo, è il caso che tu ti rivolga ad uno psicologo o psicoterapeuta, per prenderti correttamente cura della tua situazione di disagio.


Tuttavia, vorrei provare a suggerirti un modo diverso di guardare alla situazione: sembri molto preoccupata per la sofferenza che quest'atto porterebbe a tua sorella, più che per le conseguenze che finora questa confidenza le ha arrecato. Da quello che dici non è successo nulla in ben 10 anni. Un lungo periodo di tempo, durante il quale il tuo ex avrebbe potuto, per i più svariati motivi, rivelare il tuo segreto. Eppure non l'ha fatto.


Dopo quanto tempo pensi che sia lecito iniziare a pensare che non è e non sarà più interessato a usare questo segreto "contro" tua sorella e contro di te? Perché, poi, dovrebbe farlo?
Inoltre, se lo facesse possiamo dire che la responsabilità sarebbe almeno divisa metà: tra te e lui? E se consideriamo anche il contesto in cui questo è accaduto (tu eri legata a lui, ti fidavi, ed eri giovane), possiamo ulteriorimente abbassare la tua responsabilità?
E da ultimo, visto il bene che ti vuole tua sorella, pensi che non potrebbe perdonarti?


Ti auguro di risolvere presto e riprendere a vivere serenamente!

Carissima Lory,


nella vita si possono fare degli errori anche in buona fede, non con la consapevolezza di sbagliare. Magari  dopo ci accorgiamo di aver fatto qualcosa di poco  piacevole! Questo può succedere ad ognuno di noi. Siamo individui imperfetti e mano a mano che cresciamo e prendiamo coscienza della vita, ce ne rendiamo conto sempre di più. Tu sei molto giovane e - quello che ritieni sia stata una scorrettezza verso tua sorella - lo hai fatto che eri ancora minorenne quindi, forse non del tutto consapevole della superficialità con cui hai fatto la confidenza!! Non so l'entità del segreto di tua sorella' ma prima di confidarle che tu ne hai parlato a qualcuno , tanto tempo fa, ti consiglio di fare un percorso di analisi e di contenimento delle tue  ansie e comportamenti ossessivi. Ritengo che prima di confidarti con tua sorella tu debba riacquistare una certa serenità ed equilibrio emotivo dentro di te! L'ideale per te  sarebbe  una terapia cognitivo-comportamentale e dopo potrai decidere se parlare con tua sorella o meno. Tieni comunque presente che le persone debbono maturare una certa resilienza per poter gestire in modo adeguato anche i comportamenti inopportuni e/o nocivi. Ti ripeto devi lavorare sulle tue imperfezioni come essere umano, accettarle e custodirle dentro di te senza colpevolizzarti ulteriormente. Con i miei migliori auguri ti lascio un cordiale saluto.    

Buonasera Lory, ho letto la sua richiesta e posso dirle che il suo disturbo ossessivo non si è originato da quella storia, ma  in realtà probabilmente quell'evento ha risvegliato un nodo problematico che lei si porta dietro da molto prima. Molto spesso conduciamo una vita apparentemente tranquilla, poi accade un qualcosa di traumatico che ci riporta a galla tutto ciò che fino ad allora era sommerso. 


Comunque probabilmente potrebbe permettersi di pensare di aver fatto un errore e di accettarlo lei stessa in primo luogo, avrà avuto dei motivi validi per quel momento se si è lasciata sfuggire una confessione. A volte dovremmo imparare ad essere meno giudicanti verso noi stessi così come spesso lo siamo con gli altri. 


Per quanto riguarda il suo grande senso di colpa però io le consiglierei di fare un percorso terapeutico per migliorare la sua qualità della vita. Investire su se stessa è il regalo più bello che si potrebbe fare.


Le faccio tanti auguri 

Buongiorno, il passato è un Gran Maestro da cui trarre l'insegnamento che l'esperienza ci ha dato. Questo è il significato del passato, non certo rimuginare cose vissute in altri momenti della nostra vita che non corrispondono affatto alla nostra attualità. 
Un conto sono i ricordi, un conto è l'esperienza. 
Tuttavia è un discorso complesso da affrontare in questa modalità. Se crede mi può contattare anche online attraverso il mio sito web.
In attesa di sentirla le porgo i miei più cordiali saluti. 

Buonasera Lory.


la sua domanda è davvero complessa, le suggerirei di rivolgersi a qualcuno almeno per un primo colloquio giusto per accogliere con le dovute accortezze la sua domanda. E la invito a non dare troppe etichette alla sua problematica, che per quanto sentita dentro di lei non ha bisogno di essere alimentata con diagnosi fai da te che creano solo confusione.


Le auguro il meglio


Cordialità

Cara Lory, 


i problemi psichici i cui soffri non sono risolvibili soltanto parlandone, anzi in certi casi vi è addirittura un senso di sfiducia e di insoddisfazione per non riuscire a dominare i propri pensieri e sensi di colpa. Nel tuo caso ti consiglio di rivolgerti ad uno psichiatra, oppure se preferisci ad un neurologo. Il tuo non è un problema grave, ma se non lo risolvi per tempo, i sintomi ossessivi continuano e ti condizioneranno sempre di più la tua vita. Gli antidepressivi di nuova generazione rappresentano una terapia adeguata come primo approccio al problema. 


Saluti ed auguri. 


 


 

Gent.ma Lory i pensieri ricorrenti di cui parla sono ruminazioni, questa modalità di pensiero, che può risultare incontrollabile, sottende emozioni diverse tra loro quali l’ansia, la rabbia e la depressione quindi soltanto l’intervento di un professionista può aiutarla a definire il suo stato.


Cercando di analizzare la sua richiesta mi viene da domandarmi/le cosa ha smosso questa necessità di lavarsi la coscienza con sua sorella proprio ora che la vede tanto felice. Si sente in colpa per aver danneggiato la tanto amata sorella e vorrebbe metterla al corrente di aver rivelato un suo segreto molto importante. Deduco l’importanza dal fatto che ancora oggi, a distanza di dieci anni, è ossessionata dall’aver fatto questa rivelazione. Il fatto che sua sorella sia all’oscuro dell’accaduto mi fa pensare che la cosa non le ha procurato nessun tipo di danno né che gliene possa procurare nell’imminente. Allora mi/le chiedo qual è la vera natura del sentimento che la lega a questa sorella.


Le cose sono due, o lei ha compiuto, con l’ingenuità dei suoi sedici anni, un’azione che poi le si è ritorta contro come un macigno facendola sentire un mostro condizionando di conseguenza il suo equilibrio o in questa azione, anche se non a livello cosciente, c’era la volontà di danneggiarla cosa che sembrerebbe probabile vista l’impellenza di rivelare l’accaduto in un momento che andrebbe a intaccare la sua felicità.


In entrambi i casi il mio suggerimento è quello di farsi aiutare da un professionista per poter affrontare e superare in modo adeguato la causa del suo malessere.


Auguri

Salve, ho letto con attenzione il suo problema.


Innanzitutto posso comprendere la sua preoccupazione, ma ci sono vari aspetti che dovrebbe approfondire: come mai proprio in questo periodo le è salita la preoccupazione? E' successo qualche episodio in particolare che le ha aumentato l'ansia? E come mai a distanza di dieci anni ancora si sente di aver tradito sua sorella?


Lei a sedici anni era giustamente meno matura di oggi, come mai si porta questo peso ancora, dietro?


Inoltre con sua sorella ha un buon rapporto da ciò che scrive e questo è importante.


Spero di esserle stata d'aiuto.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbo Ossessivo Compulsivo"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Doc omosessuale e da relazione

Salve sono Alyssa, ho 20 anni e penso di soffrire di Doc Omosessuale e ultimamente anche di Doc da ...

1 risposta
Ossessioni, malessere e crisi dei 30 anni

Salve a tutti. Scrivo perché disperata. Passo le mie giornate in un letto, mi alzo solo per ...

1 risposta
Doc Omosex

Salve ho 20 anni, ho sempre sofferto di ansia da piccola ma non a livelli esorbitanti Da 3 anni ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.